Sotto lo stesso cielo

Sotto lo stesso cielo ci si può teneramente amare, come nella canzone di Eros Ramazzotti, oppure subdolamente odiare.
Ciò che accadde nel 1938 con la promulgazione delle leggi razziali. Vasti furono i vuoti lasciati dagli ebrei italiani nel campo della cultura, non ultimo, ma ancora poco studiato quello dell’Astronomia.
Il 27 gennaio scorso, nel giorno della Memoria a settant’anni dalla liberazione di Auschwitz, si è svolto a Bologna l’incontro di un gruppo eminente di astronomi sul tema appunto: Sotto lo stesso cielo, le leggi razziali e gli astronomi in Italia.
Di questo è venuta a parlarci, il 13 ottobre scorso (primo incontro della stagione ADEI di Torino 2015/2016) Luisa Schiavone, tecnologa e bibliotecaria dell’Istituto astrofisico di Pino Torinese, assidua frequentatrice dell’Archivio Terracini, e non solo, soprattutto per documentarsi su Giulio Bemporad, cacciato appunto da Pino. Partecipe dell’incontro bolognese, oltre che di un più recente convegno a Valencia, la Schiavone è anche autrice dell’ampio saggio: Oltre l’astronomia, la vita: Giulio Bemporad e l’assistenza ai profughi ebrei(Giornale di Astronomia, giugno 2015).
“Poiché chi muore continuerà a vivere finché il suo nome verrà ricordato, con questo lavoro mi auguro di aver contribuito alla conoscenza di un uomo ingiustamente dimenticato”
Così ha concluso un’ora di esposizione e proiezioni di grande interesse.

Sandra Reberschak

Contatti

Via Tuberose, 14

20146 Milano

C.F. 343450350934

P.IVA 2305943485934

Tel. 9950344335

Email: adeiwizo@adeiwizo.org

Scrivici per saperne di più